il treno

ogni tanto mi capita di aver voglia di fermare tutto. Di ascoltare e basta.
Mi sembra che nella vita ci siano milioni di cose e che io ne afferri solo poche, e un po’ mi spaventa questo mondo che mette tutto sui binari senza chiedere.
Di solito – ma qui con le parole non so proprio come fare per spiegare – sono ansioso e felice di poter avere un po’ di tempo per me.
Quando capita ed ho la possibilità, me ne vado in camera, spengo la luce e resto seduto sul letto come per meditare. Ma senza meditare.
Mi immagino quel treno che carica su tutti, fischia e parte. Poi cerco di pensare a Dio, a quello che nella bibbia è venuto per essere come noi in tutto, anche nel mal di denti che è la cosa meno divina che c’è – ci provo – ma non riesco mai a pensare a lui. Quello è un percorso che si fa solo nell’altra direzione. E’ li che resto in silenzio, senza nemmeno pensare – a parte qualche parola che scappa sempre.
Ci sono volte che vorrei restare tutta la notte sveglio a pensare e a non pensare, ma non ci riesco mai ed anzi smetto in fretta.
Ci sono volte invece che dopo un po’ mi basta e ho voglia solo di starmene sul letto abbracciato a mia moglie finchè mi addormento.
Spesso lei, quando siamo abbracciati mi chiede – a che pensavi prima?
Io qualche volta le dico – a niente – oppure – a Dio.
A volte penso che stare li abbracciati è il riassunto di tutto quello che cerco.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Vita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...